Get a PDF version of this webpage

La Pieve di San Giovanni Battista

15 PieveLa Pieve di Cesato è quella che nel territorio di Faenza può vantare la più antica documentazione: nelle carte è ricordata nell'anno 755, citata come la Pieve di San Giovanni in Aczigata. Difatti, gli antichi documenti medioevali per esprimere Cesato usano varie espressioni come Acxigata, Ansiata, Asiata, Aziata, Sezata, Seggiata, Cesata.

Non appena il Cristianesimo fece sentire i suoi primi influssi, dopo il quarto secolo, anche nella nostra regione sorsero chiese e basiliche nelle città. mentre nelle campagne e nei villaggi più popolati sorsero le cosiddette Pievi (dal latino "Plebs").

La caratteristica della Pieve di San Giovanni Battista di Cesato era il Fonte Battesimale, privilegio riservato in quel tempo solo alle basiliche nelle città. Un'altra caratteristica della Pieve è la sua qualità architettonica, risalente alle Basiliche paleocristiane ravennate (stile protoromanico ravennate), con alcune singolarità. La forma generale corrisponde a quella delle pievi generiche che si possono incontrare nel territorio ravennate-romagnolo. La novità appare invece nei fianchi dove, invece delle arcatelle pensili appaiate, ricorrono le ampie arcate che già si volgevano nelle finestre delle basiliche del quinto e sesto secolo.

15 MadonnaMieleNei pressi dell'altare maggiore è disposta la Madonna del Miele, opera in ceramica realizzata con la particolare Creta di San Cristoforo che si trova nei calanchi di Brisighella nella proprietà di Umberto Santandrea, modellata dall'artista Benita Cappelli Tampieri e decorata a pennello con antichi smalti da Anna Gorra Strocchi, entrambe collaboratrici nella Bottega del celebre ceramista faentino Pietro Melandri. Si tratta di un pannello di 37x36 cm. La Beata Vergine ha il capo coperto da un velo che nasconde, in parte, una folta capigliatura; il volto è sereno, ma un poco austero e preoccupato, come quello di una mamma. Il Bambino Gesù è sulle ginocchia saldamente tenute dalla Madonna; volge il suo sguardo a Lei mentre indica con la mano destra un'arnia che contiene il dolce miele. Cinque api stanno raccogliendo il polline dai vari fiori presenti nel prato e nei due mazzi collocati in alto. Loro stesse quasi vorrebbero poter dare il miele a Gesù Bambino. Si tratta di un'opera di straordinaria bellezza e di fattura assai pregevole.

Purtroppo la chiesa subì radicali restauri dal diciassettesimo secolo in poi, quando, ridotta a una sola navata, fu anche cambiata la posizione dell'abside con quella della fronte.

 

Bibliografia

"Ville faentine" di Franco Bertoni e Giorgio Gualdrini, University Press Bologna, 1980.

"Rocche e Castelli di Romagna" di Ferruccio Montevecchi, Gian Franco Fontana, Domenico Berardi, University Press Bologna, 1999.